001-article.jpg

Pensione all'estero

Residenza fuori di Francia? Sono qui riuniti consigli e elementi chiave per una migliore comprensione dei diritti maturati e degli adempimenti amministrativi.

Picto En savoir plus

Vivere la pensione all’estero”: diritti maturati e adempimenti amministrativi

 

Adempimenti nella vita di tutti i giorni

Cambio indirizzo, partenza all'estero

Il pensionato può riscuotere la pensione all’estero. Chi scelga di andare a vivere all’estero deve assolutamente segnalare il nuovo indirizzo e qualsiasi modificazione delle coordinate bancarie sul proprio account tramite il servizio on line  Segnala una modifica delle coordinate postali o bancarie. La pensione può essere corrisposta sul conto bancario francese oppure versata direttamente sul conto bancario all’estero. Consultare la propria banca per conoscere le commissioni legate alla pensione all'estero.

Picto A noter

Da notare:

Per chi percepisca l’assegno di solidarietà agli anziani (Aspa) o l’assegno supplementare d'invalidità (ASI), tali prestazioni sono assoggettate a requisiti di residenza in Francia.
Esse non verranno più erogate a chi si stabilisca fuori dalla Francia. Al ritorno in Francia occorrerà presentare una nuova domanda.

  • Per ulteriori informazioni sulla ASI e l'Aspa

Cartina delle autorità competenti

Il servizio on line “Trasmssione certificato di esistenza in vita” permette di ricevere e di trasmettere il certificato di esistenza in vita a tutte le casse pensionistiche in una volta sola. Se il servizio è attivo la notifica viene inviata via mail. In seguito, connettersi al proprio account per recuperare il certificato, farlo compilare e rispedirlo entro 3 mesi.

In caso di mancata ricezione del certificato di esistenza in vita, l’ente pensionistico è obbligato a sospendere l'erogazione della pensione.

Picto En savoir plus

Video

 

Prestazioni di assistenza sanitaria (“Assurance Maladie”)

Chi risiede stabilmente all’estero

Per ottenere l’assistenza sanitaria nello stato di residenza, i pensionati del regime generale francese che vivono all’estero devono soddisfare le seguenti condizioni:

  • essere titolare di pensione del regime generale;
  • vivere stabilmente in uno stato dell’Unione Europea o in uno stato firmatario di convenzione con la Francia che preveda disposizioni in materia di assistenza sanitaria.

È possibile richiedere un attestato di diritto all’assistenza sanitaria presso l’ente sanitario competente dello stato di residenza. Una volta convalidato, l'attestato permette il rimborso delle spese mediche grazie all’assistenza sanitaria del paese di residenza.

*Lista degli stati che hanno firmato una convenzione di sicurezza sociale comprensiva di disposizioni in materia di assistenza sanitaria con la Francia: Algeria, Andorra, Ex-Yugoslavia (Bosia, Kosovo, Macedonia, Montenegro, Serbia), Marocco, Nuova Caledonia, Polinesia Francese, Tunisia, Turchia.

In caso di prestazioni sanitarie ricevute in Francia durante un soggiorno

Le spese sanitarie possono essere coperte, a determinate condizioni, durante il soggiorno temporaneo in Francia.

Per la normativa in vigore dal 1° luglio 2019, consultare il sito del CLEISS.

Si consiglia anche la consultazione del servizio di iscrizione del  "Centre National des Retraités de France à l'Étranger" (CNAREFE) dell’Assicurazione Malattia.

I contributi previdenziali

Per chi risieda fuori di Francia ai fini fiscali, la pensione non sarà assoggettata né alla contribuzione sociale generalizzata (CSG), né alla contribuzione per il rimborso del debito sociale (CRDS) né alla contribuzione di solidarietà per l’autonomia (Casa).

Invece, dallo stipendio erogato all’estero potrà essere detratto un contributo per l’assicurazione malattia francese.

Nell’ambito del coordinamento internazionale vengono prelevati contributi per l’assicurazione malattia se l’assistenza sanitaria spetta ad un sistema francese di assicurazione malattia.

Certificato di esistenza in vita 

Chi abiti all'estero e percepisca una pensione francese (diretta o indiretta), riceverà ogni anno un certificato di esistenza in vita.

Esso deve essere compilato, indipendentemente dalla cittadinanza, dall'autorità locale competente dello stato di residenza (es. comune, commissariato…). Per sapere a quale autorità competente rivolgersi, consultare la cartina : 

La denuncia dei redditi

Chi dichiara i redditi in Francia

Ogni anno, per semplificare l’iter amministrativo, la CNAV trasmette all’amministrazione fiscale l'imponibile fiscale della pensione di Sicurezza Sociale. La trattenuta fiscale permette di pagare l’imposta sul reddito direttamente sull’importo della pensione percepita. Per ulteriori informazioni sul sistema della “ritenuta alla fonte” (trattenuta fiscale), consultare la pagina del sito ad essa dedicata.

Chi non dichiara i redditi in Francia

Per attestare l’importo della pensione di Sicurezza Sociale percepita, scaricare l’estratto conto delle mensilità connettendosi all’account del proprio espace personnel. Anche stampato a domicilio, tale documento ha valore legale e probatorio per le altre amministrazioni.

Picto A noter

Da notare

Non è possibile avere la residenza in più di uno stato ai fini fiscali.