006-article.jpg

In caso di morte

In caso di morte di un familare in pensione, è necessario adempiere alle procedure amministrative volte a darne comunicazione. Inoltre, se si tratta del coniuge, è possibile chiedere, a determinate condizioni, la pensione di reversibilità. 

Informare della morte di un pensionato

In caso di morte di un pensionato, informare la cassa regionale di appartenenza per posta. Citare numero di sécurité sociale, nome, cognome, data e luogo di morte e accompagnare la lettera con un atto di morte.

In questo modo possiamo interrompere rapidamente il pagamento della pensione.

La pensione del mese di decesso viene pagata integralmente, independentemente dalla data di morte. Le mensilità erogate dopo il mese in cui è sopravvenuta la morte verranno recuperate.

Se al momento della morte spettano ancora delle somme, possono venire erogate agli eredi (discendenti, ascendenti, parenti acquisiti, coniugi superstiti non divorziati) dietro presentazione di appropriata documentazione.

È importante informare anche gli altri enti da cui dipendeva il defunto. Tutte queste procedure si ritrovano sul sito service-public.fr.
 

Usufruire di pensione di reversibilità

L'attribuzione della pensione di reversibilità non è automatica. Bisogna innanzitutto verificare di poterne usufruire utilizzando il nostro simulatore on line.

Scegliere la data di inizio della pensione di reversibilità, che deve essere sempre il primo del mese e non può cascare prima del compimento dei 55 anni (51 in caso di morte sopravvenuta prima del 2009 o di disparizione prima del 2008).

In caso di richiesta di pensione di reversibilità durante i 12 mesi successivi alla morte è possibile fissare, come data di inizio, il primo giorno successivo alla morte. Trascorso tale periodo, la prima data che si può fissare è il primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda.

  • Per chi ha la residenza in Francia
  1. Scaricare e compilare il modulo "Richiesta di pensione di reversibilità".
  2. Trasmettere, per posta, la richiesta alla cassa regionale che erogava la pensione, se il defunto era pensionato, o alla cassa regionale competente a seconda della residenza, se lavorava. 
  • Per chi risiede all'estero

Lo Stato di residenza ha firmato un accordo di sicurezza sociale con la Francia?

Contattare l’istituzione locale di sicurezza sociale dello stato di residenza: essa fornirà un modulo internazionale da compilare e firmare, che dovrà in seguito essere rispedito a tale istituzione. Sarà la stessa istituzione a incaricarsi di trasmettercelo.

Da notare: Utilizzare il modulo internazionale garantisce une migliore qualità dell’iter amministrativo; evitare di usare il modulo francese.
 
Lo Stato di residenza non ha firmato accordi di sicurezza sociale con la Francia?

Se il coniuge era pensionato del regime generale francese, indirizzare la domanda alla cassa regionale che erogava la pensione. Altrimenti, trasmetterla alla cassa regionale cui era iscritto per la sua attività lavorativa.

Picto A noter

Da notare:

Il coniuge defunto aveva svolto attività dipendente, agricola, artigianale o commerciale? Fare una sola domanda. Presentare la domanda alla cassa pensionistica scelta, di preferenza quella cui era iscritto il coniuge defunto in relazione alla sua ultima attività lavorativa (agricola, artigianale…). Sarà tale ente a trasmettere le informazioni agli altri sistemi pensionistici.

Attenzione: questa domanda non riguarda le pensioni complementari e i regimi pensionistici speciali.

 

Picto En savoir plus

Saperne di più

Tutte le informazioni utili riguardo le nostre prestazioni di vedovanza.